1. Stato d'eccezione dell'uomo

STATO D'ECCEZIONE DELL'UOMO

Io, essere umano, sono <straordinario>.

Io, essere umano - se adulto - sono veramente <straordinario>.

Io, essere umano - se adulto, sveglio, normale, non soggetto ad alterazioni chimiche e/o fisiologiche - sono assolutamente <straordinario>.

A essere <straordinaria> è la mia <mente>, le cui caratteristiche mi distinguono dai "non umani".

Quindi, dicendo <io essere umano>, mi riferisco alla mia mente, perché "io sono la mia mente".

"Ma quanta vita ha ancora il tuo intelletto

Se dietro a te scompare la tua razza" 

(da <Miserere alla storia> di Nocenzi / Di Giacomo, Nocenzi; dall'album "Darwin" del Banco del Mutuo Soccorso)